FANDOM


Accipigna!... Triplo accipigna!... Santa pigna!... Per tutte le pigne spignolate!...
― Tonio Cartonio

Tonio Cartonio è un Folletto Luminoso appartenente al genere dei Folletti Silvani. È stato il primo Folletto bibitiere del Fantabosco, nonché fondatore del Chiosco delle Bibite Squisite.

Mamma folletta!... Mamma folletta, e Nonna Tonina folletta prima di lei!
― Tonio Cartonio

Descrizione Modifica

Aspetto Modifica

Tonio è un folletto dai capelli biondi corti. Nelle ultime stagioni Tonio però ha i capelli castani. Egli indossa sempre delle bretelle sopra una maglia a maniche corte con il cappuccio. Sotto possiede una maglia a maniche lunghe. I suoi pantaloni hanno sempre il medesimo colore delle bretelle. Infine, veste un paio di alti stivali, spesso di color uguale a una delle due maglia che indossa. Il suo successore Milo Cotogno si vestirà molto similmente a lui.

Folletto testa di vento!
― Tonio Cartonio rivolto a sé stesso

Caratteristiche Modifica

È un folletto, tutti lo chiamano e riconoscono come tale. Ha 380 anni (dieci per ognuno dell'attore): forse è un bambino, o forse i folletti sono così a ogni età. Non ha poteri magici di sorta, tranne quello di avere inventato la Bibita Squisita, ma nessuno ci fa caso. Infatti, questo folletto è apprezzato per le sue numerose specialità, ovvero le seguenti bibite: il Tiramisuper, la Scivolizia, il Blumele e il Pioggialatte.

Tonio era soprannominato "folletto dalle mani d'oro" perché abile nel realizzare lavori di carta, oltre a "folletto risolvi problemi" e "folletto aggiusta guai" perché tutti gli abitanti del Fantabosco si rivolgevano a lui per risolvere i loro problemi. Oltre che fare la Bibita Squisita e raccontare, egli sa cantare, recitare poesie. Inoltre, è un costruttore di oggetti meravigliosi che le sue mani follette creano per offrire doni agli amici o per insegnare al bambino a casa come creare un gioco con materiali semplici (carta, colla, mollette da bucato, spago, ...). Egli ha anche dei difetti: essere sbadato e disordinato.

Tonio è l'unico, insieme a Milo Cotogno e Fata Gaia, che può andare a Città Laggiù dove si reca ogni tanto a fare spese travestito da "umano". In aggiunta, egli ha il privilegio di comunicare direttamente con lo spettatore. Infatti, Tonio spesso ascolta domande e suggerimenti dei bambini a casa e risponde. Il folletto possiede il "Librone delle storie" dal quale nelle prime cinque stagioni usciva qualche cartone animato. Da non dimenticare il suo famoso Diario, chiuso da un grande lucchetto, nel quale scrive e legge insieme al bambino spettatore. Questo lo si vede solitamente il venerdì nelle puntate intitolate "Il Diario di Tonio Cartonio". Infine, egli colleziona francobolli.

Anzi no...
― Tonio Cartonio

È appassionato di storie, non si stanca mai di ascoltarne ed è anche bravo a raccontarle. Gli piacciono soprattutto i cartoni animati; li raccoglie nel bosco, li vede e li vende; ha il dubbio di essere, o essere stato lui stesso un cartone.

Il Folletto, personaggio principale del programma, è paradossalmente il meno definito, meno "caricato" di tratti caratteristici, perché è la figura di proiezione del bambino spettatore. Si potrebbe dire che è un "bambino specchiato" nella fiaba (o il bambino a casa specchiato nella televisione). Ed è un bambino normale: non è cattivo né crudele, né eroico né magnanimo, né temerario, né magico, né infido, etc... Ma un carattere lo ha, e determinante per quel mondo: gli occhi stupiti. Tutto accade attraverso i suoi occhi, e la loro meraviglia. Lui è il testimone: se lui chiude gli occhi - o se non trova più niente "meraviglioso" - niente di tutto quel mondo esiste più.

Altra funzione, conseguente, è quella del mediatore di tutto ciò che accade intorno a lui col bambino-spettatore, suo collega. Tutti i personaggi guardano in camera e parlano allo spettatore, ma è lui l'interfaccia affettiva principale: colui che parla prima e dopo gli eventi, spiega, introduce, conclude, o solo accenna, ammicca, sorride...

Folletto, folletto, cervello di foglietto!... portato via dal vento, vuoi stare un po' più attento?
― Tonio Cartonio quando è sbadato

Storia Modifica

Figlio di Mamma Tina e Papà Cartonio, Tonio appartiene alla stirpe dei Folletti Luminosi ed è il folletto bibitiere più bravo di tutti i Mondi di Fiaba. Sotto il suo letto abita il suo amico Topo Torponio. Frequentemente, egli ascolta Radio Gufo per conoscere le ultime notizie del Fantabosco. La sua abitazione era ubicata nei pressi del Chiosco, costruita nel tronco di un albero e, se fosse meno disordinato, essa sarebbe una delle dimore più carine di tutto il Fantabosco. Però, a seguito di un incendio provocato accidentalmente da Orco Rubio, la sua casa viene distrutta. Tutte le creature del Fantabosco provvederanno a costruirne una nuova nel corso dell'episodio "Tutto in una notte". Il folletto deve restare continuamente attento a Strega Salamandra, che desiderosa di impossessarsi del chiosco, trama alle sue spalle. Tonio Cartonio è innamorato della Gnoma Linfa, e viceversa lei nei suoi confronti.

Tonio ha preso parte alla maggior parte delle puntate della Melevisione dal 1999 al 2004. Negli episodi dove non era presente, veniva detto che era venuto in missione a Città Laggiù.

A causa dell'affievolimento della Fiaccola Magica, che consente ai mondi di fantasia di esistere, gli viene chiesto di partire in missione a Città Laggiù. Nella puntata L'impresa di Tonio, Re Quercia inviò quindi Tonio Cartonio a Città Laggiù per ravvivare fra i bambini la bellezza di narrare le storie. Questo episodio riguardante la sua partenza segnò un ascolto record pari al 22% di share. Esso detiene tuttora il record assoluto di ascolti dell'intera produzione del programma.

Tonio lascia alla Gnoma Linfa una lettera d'amore prima di partire. Il folletto lascia perciò il posto a Milo Cotogno.

Prima di subito!
― Tonio Cartonio

Pagella di Tonio Modifica

Scuola Folletta Superiore del Fantabosco.
Anno Millepiumille e nonnanta gatto.
Alunno: Cartonio Tonio, figlio di Mamma Tina e Papà Cartolino Cartonio.
Pagella finale di meriti e bravure.

  • Pignologia: distinto volante.
  • Flora e Fauna di Fiaba: distinto camminante.
  • Geografia di Fiaba: distinto strisciante.
  • Matemagica: sufficiente piatto.
  • Lingua Umana: ottimo aguzzo.
  • Lingua Animala: ottimo schiacciato.
  • Pignastica: buono sudato.
  • Canto, danza e incanto: lasciamo perdere.

Promosso.

Curiosità Modifica

  • Si presume che il cognome Cartonio deriva dai cartoni, i quali erano contenuti all'interno del programma nelle prima stagioni. Il nome Tonio è un'abbreviazione del nome Antonio e fa rima con il cognome.

Riferimenti Modifica

Bruno Tognolini - Progetto originale

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.